Warning: mysql_get_server_info(): Can't connect to local MySQL server through socket '/var/lib/mysql/mysql.sock' (2) in /web/htdocs/www.fornace.info/home/wp-content/plugins/xml-google-maps/xmlgooglemaps_dbfunctions.php on line 10

Warning: mysql_get_server_info(): A link to the server could not be established in /web/htdocs/www.fornace.info/home/wp-content/plugins/xml-google-maps/xmlgooglemaps_dbfunctions.php on line 10

Ci risiamo. Il prossimo 20 settembre saremo di nuovo chiamati a pronunciarci su un'altra riforma costituzionale. E' la terza volta in 15 anni, dopo quelle volute – ed entrambe sonoramente bocciate – da Berlusconi nel 2006 e da Renzi nel 2016.

Si tratta di una riforma votata in Parlamento dalla quasi totalità delle forze politiche. E questa è senz'altro la prima differenza rispetto ai due precedenti tentativi che furono invece approvati soltanto dalle rispettive maggioranze del momento. La seconda differenza, ancor più rilevante, è che in questa circostanza gli articoli modificati sono soltanto 3 (il 56, il 57 e il 59), e non diverse decine, come era invece avvenuto nei casi passati. Si tratta di differenze non di poco conto, visto che – almeno in questo caso – non è in discussione la forma di governo parlamentare.

Tuttavia, la torsione maggioritaria che verrebbe imposta da questa riforma, qualora dovessero vincere i “sì”, rimane fonte di grande apprensione per chi ha a cuore le tutele democratiche pensate dai costituenti del '48. E non a caso, oggi come nel 2016, ci troviamo al fianco dell'Associazione Nazionali Partigiani d'Italia in difesa della Costituzione. Pubblichiamo qui di seguito due documenti redatti proprio dall'ANPI che approfondiscono le ragioni del NO.

Volantino ANPI "Perché NO"

Documento ANPI "le ragioni del NO"

E' sconfortante pensare che questa riforma sia stata avanzata in nome di un taglio dei costi della politica il cui peso è infinitesimale in rapporto al totale della spesa pubblica. Se è il problema è il costo della politica, questo non lo si può fare senza tenere conto della qualità della democrazia. L'opposizione a questa riduzione della rappresentanza parlamentare non è soltanto una questione di principio. Il rischio è quello di una deriva maggioritaria che già era insita nelle precedenti riforme, e che già avevamo denunciato 4 anni fa: si tratta del "combinato disposto" di questa riforma con l'attuale legge elettorale in vigore (oggi il cd. Rosatellum, all'epoca il famigerato Italicum, poi bocciato dalla Corte Costituzionale). Pur senza arrivare alle aberrazioni dello Italicum, anche con l'attuale legge elettorale, infatti, il partito o la coalizione vincente avrebbero ottime chance di ottenere maggioranze parlamentari schiaccianti.

Alcuni istituti di ricerca, come ad esempio il Cattaneo Zanetto & co. (qui), hanno simulato il risultato di ipotetiche elezioni politiche sulla base dei risultati delle europee dello scorso anno. Ebbene, se gli schieramenti fossero quelli del 2018, il centrodestra (oggi a trazione leghista) potrebbe ottenere una maggioranza che sfiorerebbe i due terzi dei seggi pur ottenendo grossomodo la metà dei consensi. E questo già con i numeri delle vecchie camere. Con i numeri ridotti, la proporzione dei seggi della maggioranza diverrebbe ancora più alta, e sarebbe così molto più facile per una singola parte politica eleggersi il proprio Presidente della Repubblica, eleggersi i propri membri in seno al CSM e alla Corte Costizionale e, soprattutto, mettere mano ad una profonda revisione costituzionale, riducendo le minoranze al silenzio.

Per questi motivi, oggi come 4 anni fa, votiamo e invitiamo tutti a votare NO al referendum costituzionale del 20 e 21 settembre.