Quest'autunno 2017 è costellato di importanti anniversari, forse mai così tanti e ben cadenzati sul calendario: martedì 24 ottobre saranno 100 anni esatti dalla disfatta di Caporetto, evento che fu favorito dalla caotica situazione in Russia alla vigilia della Rivoluzione. Per questa occasione, abbiamo pensato di leggere alcuni passi di "Viva Caporetto!", opera provocatoria scritta da Curzio Malaparte e censurata per quasi 60 anni. L'interpretazione di Caporetto da parte di Malaparte è quella di una rivoluzione di classe da parte delle truppe, esauste dopo tre lunghi anni di inutile guerra di trincea.

Martedì 31 ottobre saranno 500 anni dalla pubblicazione delle 95 tesi di Martin Lutero sul portone della cattedrale di Wittenberg. Il filosofo tedesco Volker Drell interverrà a spiegarci come quell'evento ha caratterizzato in profondità la storia della nazione tedesca.

Martedì 7 novembre saranno 100 anni esatti dalla Rivoluzione d'Ottobre, che come noto si chiama così perché in Russia era ancora in vigore il calendario giuliano, secondo cui correva la data del 25 ottobre. Il professor Valerio Romitelli ci introdurrà alla Maratona Rossa: dapprima verrà proiettato "Ottobre", il capolavoro del maestro Ejzenstejn in ricordo di quell'evento; poi, dopo una sosta ristoratrice e un brindisi commemorativo, si proseguirà con la proiezione di due dei "Tre canti su Lenin" di Dziga Vertov.

A seguire queste tre ricorrenze, ci saranno altre due serate per ricordare altri due importanti personaggi della storia novecentesca: martedì 14 novembre ricorderemo Antonio Gramsci a 80 anni dalla sua morte con la proiezione del docu-film di Lino Del Frà che ben testimonia l'evoluzione del suo pensiero ed il suo progressivo isolamento nel partito negli anni del carcere.

Martedì 21 novembre, infine, ricorderemo Ernesto Che Guevara a 50 anni dal suo assassinio durante la guerriglia boliviana, con la proiezione di "Che guerrilla" di Steven Soderbergh.

Scarica qui la locandina con il programma in pdf

In occasione dell'imminente elezione presidenziale negli Stati Uniti, abbiamo pensato di dedicare al tema dell'odio americano nei confronti dei loro nemici interni ed esterni una rassegna di film che si terranno presso la biblioteca comunale di Rastignano in piazza Piccinini, 4. Le proiezioni si terranno martedì 8, mercoledì 16, martedì 22 e martedì 29 novembre con inizio alle ore 20,45.

Si inizia martedì 8 novembre con la proiezione dell'ultimo film di Jay Roach  "L'ultima parola - La vera storia di Dalton Trumbo", famoso ed apprezzato regista americano, bandito per anni dalla scena pubblica per il suo essere comunista in epoca maccartista.

Mercoledì 16 novembre verrà proiettato "La seconda guerra civile americana", grottesca e surreale commedia di Joe Dante sull'odio per lo straniero.

Martedì 22 novembre sarà la volta di "99 homes. Speculazione e avidità", film di Ramin Bahrani sull'esecuzione degli sfratti dopo lo scoppio della crisi dei mutui sub-prime.

La rassegna si concluderà martedì 29 novembre con la proiezione de "Nella valle di Elah" di Paul Haggis, film sulle conseguenze in patria delle guerre infinite americane.

Scarica qui la locandina della rassegna.

Per il prossimo mese di novembre abbiamo organizzato una nuova rassegna di incontri in occasione del 40° anniversario della morte di Pier Paolo Pasolini. Gli incontri si terranno presso la biblioteca comunale "Don Milani" di Rastignano, in collaborazione con l'associazione "Il viandante e la sua ombra" e con il patrocinio del comune di Pianoro.

Questo il programma degli incontri, tutti con inizio alle ore 20,45:

Martedì 3 novembre: Roberto Ferretti presenta il documentario "La rabbia di Pasolini", di Giuseppe Bertolucci, 2008

Martedì 10 novembre: Roberto Brandoli presenta "Uccellacci e uccellini", di Pier Paolo Pasolini, 1966

Martedì 17 novembre: Giorgio Gattei presenta il docu-dramma "Pasolini, un delitto italiano", di Marco Tullio Giordana, 1995

Martedì 24 novembre: Giorgio Gattei presenta il documentario su "Salò o le 120 giornate di Sodoma", dal titolo "Pasolini prossimo nostro", di Giuseppe Bertolucci, 2006